Centro per la Vita Luigi Saccone presbitero

We have 3 guests and no members online

NOTE! This site uses cookies and similar technologies.

If you not change browser settings, you agree to it. Learn more

I understand
  • Il “Centro per la Vita"

    sede operativa dell'Associazione

  • La Biblioteca "Rina Rossotto"

    specializzata in Filosofia ed Etica della Vita

  • L’Auditorium "Oreste Rossotto"

  • Il gruppo dei formatori

  • don Luigi Saccone

    ideatore del Centro e primo Segretario dell'Associazione

Lettera del Segretario - Luglio 2016
User Rating:  / 0

Ai Soci dell’Associazione Puteoli pro Vita onlus

e, per conoscenza:

- ai nostri simpatizzanti e amici
- ai vicari foranei
- ai parroci
- a tutti i presbiteri, diaconi, religiosi e religiose
- ai gruppi, movimenti e associazioni della Diocesi

Carissimi fratelli e amici,

è ormai trascorso un anno dall’ultima Assemblea dell’Associazione. Per quanto mi riguarda, è stato un anno davvero “pieno”, ricco di emozioni, di voglia di fare, di occasioni per migliorare. Per la Puteoli pro Vita, non dobbiamo dimenticarlo, questo è un anno speciale: è, infatti, il nostro 25° compleanno, un’occasione propizia per bilanci e riflessioni.

Guardando indietro alla nostra storia, come Segretario non posso che essere contento per ciò che è stato realizzato grazie al vostro aiuto: siamo riusciti ad aumentare la conoscenza dei metodi naturali, a diffondere pubblicazioni informative, ad aiutare molte coppie rendendole più responsabilmente “famiglie”. Soprattutto, abbiamo potuto sostenere le attività del Centro per la Vita. Consentitemi quindi di ringraziare qui tutti coloro che ci hanno accompagnato fino ad oggi, mettendo a nostra disposizione le loro professionalità in alcuni casi a titolo completamente gratuito.

Festeggiare un anniversario significa però non solo compiacersi di quanto fatto ma soprattutto aumentare l’impegno e l’entusiasmo, riflettendo con serietà sulla nostra vita associativa e sulla gestione concreta delle attività che conduciamo.

A questo scopo, il Consiglio di Amministrazione si è più volte incontrato nel corso degli ultimi mesi, prendendo atto della necessità di un profondo ripensamento delle nostre attività. Dobbiamo essere ambiziosi, dobbiamo osare di più, dobbiamo perseguire obiettivi ancora più alti, senza dimenticarci cosa siamo e qual è la missione che ci è stata affidata, non trascurando o sminuendo le difficoltà che quotidianamente dobbiamo affrontare.

D’intesa con il Consiglio ho quindi deciso di scrivervi questa lettera aperta, indirizzata non solo ai Soci ma a tutti gli uomini e donne di buona volontà, la quale ha lo scopo di informavi sulla situazione in cui ci troviamo, fatta di luci ma anche, purtroppo, di ombre.

Il Bilancio dell’Associazione

In allegato [alla versione cartacea di questa lettera] troverete il Bilancio consuntivo del 2015, che i Soci saranno poi chiamati ad approvare nel corso della prossima Assemblea ordinaria (nelle prossime settimane invieremo loro la convocazione ufficiale). Vi prego di notare che quest’anno – come purtroppo ogni anno – il nostro bilancio si chiude con un passivo, che stavolta è di circa 12.000€.

Circa le principali voci di bilancio, devo anzitutto informarvi del fatto che, a causa delle loro ripetute inadempienze (non versano quanto da loro dovuto da circa sei mesi) molto probabilmente saremo costretti a interrompere la “collaborazione” con l’ACISMOM, cosa che ci ha condotto a compiere ulteriori riflessioni.

La Diocesi di Pozzuoli, ormai da 25 anni, mette a nostra disposizione – a titolo gratuito ­– la struttura del Centro e ci offre annualmente un contributo economico. Oltre a quest’ultimo, l’Associazione trae quindi le risorse necessarie al suo funzionamento soltanto da due fonti: le quote sociali e le attività ambulatoriali che finora abbiamo mantenuto nel Centro.

Le nostre evidenti difficoltà economiche, che questi due elementi piuttosto che risolvere contribuiscono ad acuire, hanno spinto il Consiglio di Amministrazione a valutare opportuni interventi e una revisione complessiva delle nostre spese di funzionamento, che contiamo di ultimare nelle prossime settimane. L’Assemblea dei Soci è stata quindi rimandata a Settembre anche per darci modo di acquisire tutte le informazioni utili per informare esaustivamente coloro che vi parteciperanno.

Un primo elemento che posso però ribadire è quanto vi avevo scritto lo scorso anno: in un’ottica di comunità, dobbiamo sempre più fare rete con altre realtà e associazioni che già lavorano per scopi simili ai nostri, per aumentare l’offerta dei servizi e incrementare – per sopravvivere, non certo per creare ricchezza – i nostri introiti. Non possiamo restare isolati!

Le attività formative

La situazione di crisi si riflette soprattutto su uno degli aspetti principali della nostra missione, vale a dire la formazione; le nostre difficoltà economiche han fatto sì che essa, nel tempo, si riducesse progressivamente fin quasi ad annullarsi. Almeno su questo aspetto, consentitemi però di essere ottimista perché, pur di fronte a tutta una serie di problemi, nell’ultimo anno non siamo certo stati fermi ma piuttosto abbiamo cercato di reagire con il massimo impegno; i risultati sono sotto gli occhi di tutti.

Già negli scorsi mesi, come sapete, abbiamo infatti vissuto due intensi momenti (sarebbero dovuti essere di più ma varie circostanze l’hanno impedito) sullo “spinoso” tema del fine-vita. Sia l’incontro con la signora Dacia Maraini sia quello con padre Bartolomeo Sorge hanno ricevuto una risposta entusiastica: non solo la notizia si è infatti diffusa ampiamente, interessando anche diversi mezzi di comunicazione a livello locale e nazionale, ma soprattutto la nostra sala conferenze a stento ha potuto contenere i numerosi partecipanti (abbiamo dovuto anche “stravolgerla”, aggiungendo nuovi posti per accogliere i tanti che hanno accolto il nostro invito). Se non avete partecipato, o se volete riviverli, troverete i filmati dei due incontri [qui, subito dopo questa mia lettera].

La revisione complessiva delle nostre spese di funzionamento dovrà quindi ridurre i costi non necessari proprio per riprendere ad offrire occasioni formative di alto livello, giacché queste sono la nostra principale ragion d’essere: il nostro Statuto, infatti, all’art. 5 afferma che per conseguire lo scopo sociale l'Associazione può (e deve) organizzare «corsi di formazione per persone da specializzare nei vari campi, cicli di conferenze, lezioni e attività simili», intraprendendo ogni altra iniziativa culturale che sia ritenuta «utile per il conseguimento delle finalità umane e Sociali assunte come proprie e comunque finalizzate all'affermazione di una autentica cultura della vita». Il sostegno che noi diamo al Centro per la Vita trova la sua principale linfa proprio in questo aspetto, che abbiamo purtroppo messo in second’ordine e che in futuro dovremo invece sempre più potenziare.

Il personale dipendente e i collaboratori medici

Un elemento assolutamente rilevante per il nostro bilancio è quello del nostro personale dipendente. Pur consapevoli che questo “costo” rappresenta una primaria fonte di vita per le famiglie dei nostri dipendenti, dobbiamo procedere responsabilmente ad ottimizzare l’utilizzo delle risorse, riducendo, secondo criteri di equità e buon senso, gli oneri per tale voce di spesa. A questo fine, recentemente il Consiglio ha affidato al nostro Tesoriere, Vincenzo de Ruggiero, il compito di attivare un confronto con il nostro personale, al fine di ridurre il loro impegno complessivo – ad esempio con una riduzione delle ore lavorative – per scongiurare quanto più possibile procedure di licenziamento.

Insieme a questo, il Tesoriere sta avendo una serie di incontri con i nostri collaboratori medici, onde ottimizzare anche l’andamento degli ambulatori: come certamente sapete, il ricavato delle visite che offriamo è stato fino a oggi utilizzato, pressoché interamente, per gli onorari dei medici (solo uno di essi viene a titolo volontario e gratuito), cosa che contribuisce a complicare la nostra situazione. Al momento, tutti i medici finora consultati ci hanno però confermato la loro disponibilità a una revisione delle uscite, che consisterà soprattutto nella razionalizzazione delle loro presenze e, conseguentemente, dei loro compensi; questo mi lascia ben sperare.

Dobbiamo essere realistici: l’attuale situazione impone una attenta supervisione soprattutto di questi aspetti gestionali, al fine di immaginare strumenti e prospettive che aiutino l’Associazione ad affrontare l’emergenza evitando una possibile chiusura definitiva del Centro.

La situazione di cassa e le quote sociali

Ho cercato di descrivervi la situazione dell’Associazione in modo oggettivo, quale essa effettivamente è; non posso quindi tacere sulla difficilissima situazione di cassa che registriamo, con le nostre disponibilità ai minimi storici, in un periodo che non comporta, di solito, l’incasso di quote associative. Una situazione, dunque, problematica, che mi stimola a rivolgermi direttamente ai Soci, che sono il corpo vivo dell’Associazione, per chiedere anzitutto a loro un impegno straordinario di attività, al fine di “dare vita” alla Puteoli pro Vita.

Per portare avanti in modo efficace le sue iniziative l'Associazione ha infatti enorme bisogno, oggi più che mai, del contributo critico ed operativo di ogni Socio, ma le quote sociali presentano preoccupanti segnali di riduzione. Mi rendo conto che questo è dovuto anche agli scarsi contatti che ho mantenuto con voi (mi ritengo responsabile in prima persona), ed è questa una cosa della quale mi scuso: il mio impegno fin d’ora è quello di garantire più frequenti, franchi ed efficaci contatti con tutto il corpo associativo. Considerate questa mia lettera come un primo, timido, tentativo in tal senso.

Sollecito quindi anzitutto i Soci a sostenere in prima persona la nostra Associazione, nei modi e nelle forme che vorranno e potranno: dalla donazione del 5x1000 al versamento di quote sociali eventualmente pregresse, dal versamento della quota individuale per il 2016 alla raccolta di nuove adesioni all’Associazione al versamento di “offerte straordinarie”.

Vorrete perdonare la mia franchezza, ma – anche su sollecitazione del Tesoriere – ho il dovere di ricordare a tutti che divenire soci della Puteoli pro Vita significa optare per una scelta di fedeltà, non solo condividendo spiritualmente la nostra missione bensì soprattutto garantendo ad essa il proprio sostegno concreto, che in alcuni casi è tardato ad arrivare; per questo motivo alcuni Soci troveranno allegato [alla versione cartacea di] questa lettera l’estratto conto delle loro quote sociali non versate. Associarsi significa assumersi un impegno formale, per cui, quali che siano i motivi di questo ritardo, chiedo in particolare a coloro che non avessero più intenzione di rimanere nostri Soci di comunicarlo per iscritto – come previsto dallo Statuto – liquidando le eventuali quote non versate negli anni precedenti. Questo ci permetterà di avere almeno una maggiore chiarezza sulla consistenza del nostro corpo associativo.

Il nostro futuro

Stiamo vivendo un momento difficile, per superare il quale anzitutto ci affidiamo al Signore, ma non disperiamo!!!

Io e il Consiglio siamo ormai consapevoli di una cosa: non possiamo né dobbiamo aspettarci aiuti “esterni” da parte di munificenti benefattori, perché al momento, a nostra conoscenza, non ve ne sono. Nonostante questo, vi garantisco che faremo di tutto perché l’Associazione – e il Centro che da essa dipende – possano continuare, spes contra spem, la loro missione.

Non solo per conoscere esattamente lo stato dell’arte della ricerca sui metodi naturali, ma soprattutto per entrare sempre più in rete con altre realtà simili alla nostra, nei prossimi mesi daremo quindi avvio alla procedura per entrare nella Confederazione Italiana dei Centri per la Regolazione Naturale della Fertilità, di cui ancora non facciamo parte. A questo, se le nostre finanze lo permetterano, si accompagnerà l’organizzazione di una serie di attività per la formazione specifica di insegnanti e sensibilizzatori del metodo Billings.

Prevediamo poi di poter rendere disponibili, in tempi brevi, nuove specialità ambulatoriali: già nel prossimo mese di settembre attiveremo due “Sportelli” di consulenza psicologica, dedicati rispettivamente alla psicologia dell’età evolutiva e dello sviluppo e al supporto per i genitori di bambini affetti da patologie dello spettro autistico con il metodo ABA. C’è tanto bisogno del nostro aiuto!!!

Sollecitati dall’Esortazione apostolica Amoris laetitia di papa Francesco, sempre a partire dal prossimo autunno inizieremo ad offrire a comunità parrocchiali, gruppi, movimenti e associazioni di ispirazione cristiana delle occasioni di incontro-formazione intorno a temi di comune interesse, quali la dignità della vita, l’educazione all’affettività e alla sessualità, il disagio giovanile. Sarà un servizio di Chiesa e quindi svolto a titolo completamente gratuito, che coordineremo d’intesa con i competenti Uffici della Curia diocesana.

Anche grazie a questi nuovi servizi e queste nuove offerte, l’Associazione Puteoli pro Vita potrà continuare nelle sue campagne di sensibilizzazione sulla paternità e maternità responsabili e sui metodi naturali di fertilità, incrementando la diffusione di materiale divulgativo diretto a coppie, giovani e operatori medici e pastorali ma soprattutto offrendo nuove opportunità formative.

Le nostre attività devono andare avanti! Prego quindi ciascuno di voi di aiutarci a individuare ogni altra attività o iniziativa che possa darci un po’ di respiro: ogni suggerimento, sostegno, consulenza o proposta – indicandoci, ad esempio, il nominativo di medici specialisti disponibili, almeno in un primo tempo, ad offrirci la loro professionalità a titolo volontario e gratuito – sarà sempre bene accetto. Scrivetemi, telefonatemi o venite al Centro e parliamone.

Oltre a questo, spazio alla creatività! La Puteoli pro Vita può essere aiutata sollecitando amici e conoscenti ad associarsi o a versare il 5x1000, organizzando cene di sostegno, eventi teatrali o sportivi, organizzando eventi divulgativi e intraprendendo campagne per la raccolta fondi, ad esempio nel periodo natalizio. Più ancora, vi invito a parlare con Parrocchie, gruppi, movimenti, associazioni, medici e aziende “sensibili” perché aiutino la nostra Associazione o facciano pubblicità alle nostre iniziative e ai servizi che offriamo. Comunicateci le iniziative che pensate di organizzare: potremo in questo modo inviarvi del materiale informativo di vario genere per fare sempre più conoscere le nostre attività e, se necessario, io stesso o un membro del Consiglio potremo eventualmente partecipare per fornire tutte le informazioni necessarie.

Ora mi sembra di avervi detto, se non tutto, almeno le cose principali. Rinnovandovi il ringraziamento per il sostegno che avete sempre assicurato, e che spero vivamente vorrete continuare ad assicurarci nel futuro, colgo l’occasione per porgere a tutti voi i miei più cari, affettuosi e cordiali saluti.

Pozzuoli, 1 Luglio 2016

don Gaetano Iaia
Segretario 


PS: vi indico di seguito le “coordinate” per il versamento delle quote sociali e/o per eventuali donazioni, ricordandovi che tutte le elargizioni eseguite in favore dell’Associazione sono considerate erogazioni liberali e comportano il diritto di usufruire delle agevolazioni fiscali sotto forma di detrazioni d'imposta oppure come deduzioni dal reddito imponibile, come previsto dal nostro sistema tributario. Parlatene con i vostri consulenti fiscali (commercialisti o CAF).

Coordinate bancarie

Associazione Puteoli Pro Vita
Monte dei Paschi di Siena
IBAN: IT 83 J 01030 40100 000000796668

Il 5x1000

Apporre la firma nel riquadro della sezione dedicata al 5 per mille, riportando il codice fiscale 96001870631

Read more...
 
Incontro con p. Bartolomeo Sorge - il video
User Rating:  / 0

 

Carissimi amici, 

 

Per il II incontro del per-corso sul “Fine vita” abbiamo ospitato padre Bartolomeo Sorge. 

È in linea il video dell’incontro, che è stato particolarmente ricco e stimolante.

Buona visione e un caro saluto a tutti!!!

                                                                                         Il Segretario

Vai al video
 
Prev1234Next

Lingua/Language

Menù Utente

Page Views since 1/1/2013

Contattaci